Scuole italiane fatiscenti, metà sono da rottamare

Senza manutenzione, senza scale di sicurezza, senza decoro. E perfino senza carta igienica. Ma con 340 incidenti lo scorso anno. L’allarme del Rapporto di Cittadinanzattiva.

Su cento edifici scolastici, 40 hanno una manutenzione carente per cui sono più le cose rotte che quelle che funzionano. 20 hanno lesioni strutturali serie e nel 50% dei casi nessuno ci ha ancora messo mano. Ma la madre di tutte le grane è che metà delle scuole italiane è stata costruita in aree a rischio sismico e una su dieci a rischio idrogeologico, con buona pace di chi a suo tempo ha dato le autorizzazioni edilizie.

Oggi il quadro di politica scolastica su questi temi è diverso rispetto a quello di un anno fa, perché a giugno è stata attivata l’Anagrafe degli edifici scolastici e perché- soprattutto –nella legge sulla “buona scuola” c’è un piano di intervento triennale proprio sull’edilizia. Ma i miracoli non si fanno in pochi mesi e così – rileva il Rapporto – la situazione effettiva è ancora a carissimo amico. Come i dati evidenziano impietosamente. Il 73% delle scuole monitorate è situato in zona a rischio sismico, il 14% in zona a rischio idrogeologico, il 4% in zona a rischio industriale, il 5% a rischio vulcanico, il 5% in zona a elevato inquinamento acustico.

Quaranta edifici su cento non sanno cosa sia la manutenzione: il 21% presenta lesioni strutturali serie e pericolose. Il 15% delle aule mostra distacchi di intonaco o segni di fatiscenza. Sono rotti o inutilizzabili il 20% dei banchi e il 18% delle sedie, mentre metà degli arredi non è a norma. I presidi –beninteso - protestano e supplicano, ma gli “enti proprietari” (comuni o province) fanno orecchie da mercante in quasi un caso su 5. Il preside del Liceo Troja di Andria – per esempio - ha invitato i ragazzi a portarsi sedia e banco da casa perché ne mancano all'appello 60 e la scuola non può comprarli.

E ancora: un quinto de cortili scolastici funge da deposito merci di varia natura ed ha una recinzione fatiscente. Il 42% dei bagni è sprovvisto di carta igienica (è la cosa di cui ci si lamenta di più) , il 53% di sapone, il 77% di asciugamani e il 49% di scopini per il wc. Le scale di sicurezza mancano in una scuola su quattro, le vetrate sono a norma solo in un terzo dei casi , le porte con apertura antipanico sono assenti nel 74% delle aule, nell’89% dei bagni, nel 65% delle aule computer, nel 54% dei laboratori, nel 47% delle mense e nel 37% delle palestre e anche nel 15% dei cortili dove sarebbero obbligatorie per legge. E via elencando, in una pianto greco che non risparmia neppure la sicurezza degli impianti elettrici e di quelli antincendio oltre ai sistemi di accessibilità per i disabili. Con il risultato che solo lo scorso anno si sono registrati 340 incidenti.

Fonte: tgcom24.mediaset.it

TOP scuole

BODONI - PARAVIA

via Ponchielli ,56, 10154 TORINO
Telefono: 011 2481711
WWW: www.bodoniparavia.it

Per saperne di più

LICEO SCIENTIFICO STATALE

CORSO CAVOUR 241, 70121 BARI
Telefono: 0805242237
WWW: liceoscacchibari.it

Per saperne di più

SCUOLA DELL´INFANZIA AI NOSTRI CADUTI

VIA MEZZAVILLA 3 - FRAZIONE CELLORE, 37031 ILLASI
Telefono: 0457834256
WWW: www.scuolaainostricaduti.altervista.org

Per saperne di più

CESARE ARZELA´

VIA DEI MOLINI 24, 19038 SARZANA
Telefono: 187610834
WWW: istitutoarzela.it

Per saperne di più

Volete rendere visibile la vostra scuola anche qui?

Voglio maggiori informazioni

Volete pubblicizzare la vostra scuola?

Contatto rapido

info@elencoscuole.eu

* Questi contatti non sono contatti scolastici, ma contatti del gestore del server ElencoScuole.eu

Provozovatel webu

just4web.cz s.r.o.
Codice fiscale: 27547876

Vai al contatto